HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(23)Domini (4)dominio (95)Blog (96)Sicurezza (84)Wordpress (1)Cross-Site (4)vulnerabilità (24)wordpress (1)zero day (11)sicurezza (1)sitelock (39)News (2)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (12)seo (39)Hosting (7)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (29)Email (48)Server (4)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (2)affiliazione (2)guadagnare (95)Ecommerce (4)e-commerce (2)ecommerce (5)VPN (1)wi-fi (3)backup (4)server (39)marketing (2)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (2)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (5)vps (49)Blogging (5)blog (2)blogging (72)CMS (5)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (5)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (5)malware (1)phishing (1)server upgrade (3)prestashop (3)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (5)magento (2)Linux (3)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (2)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (2)metodi di pagamento (1)effetti sonori (3)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (37)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (2)responsive email (4)pec (3)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (4)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (30)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (82)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (5)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (3)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (2)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (2).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (2)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (6)drupal (6)joomla (1)travel blog (4)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (3)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (3)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (3)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (2)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch (1)pdf (1)hosting provider gratuito (1)Shopify (1)Usabilità web (2)temi (1)confronto file (1)quiz (1)mockup (1)hosting provider (2)chat (1)ristoranti (1)database (2)spam (1)tool (1)Javascript (1)automazione (1)forum (1)compressione (2)webserver (1)Caching (1)video (1)Normative (1)Collaborazione (1)unicorn (2)robots.txt (1)funnel (1)redirect (1)Markdown (2)Google Tag Manager (1)apache (1)Ajax (1)wamp (1)xampp (2)browser (1)OSCommerce (1)Blockchain (1)sottodominio (1)sviluppo Web (1)Moduli (1)TLD (1)Google Analytics (6)plugin (1)e-mail professionale (1)amazon (1)cache (1)multilingua (1)traduzioni (1)Bitcoin (1)script (2)CSS (1)exFAT (1)FAT32 (1)tabelle (1)Mobile App (1)Web App (1)codici a barre (1)multisito (1)google script (1)node.js (1)Download Manager (1)smtp. newsletter (3)cpanel (2)plesk (1)wildcard (2)elementor (1)obsidian (3)mail (1)andràtuttobene (1)solidarietàdigitale (1)xss (1)trasferimento (1)scraping (1)dns (1)wp-admin (1)favicon (1)maninthemiddle (1)cybersquatting (1)marchio (1)breadcrumb (1)gutenberg (1)uptime (1)media (1)social (1)core (1)vitals (1)web (1)velocità (1)errori (1)ux (1)condiviso (1)gtmetrix (1)whm (1)off (1)page (1)microsoft (1)windows11 (1)rce (1)2022 (1)tag (1)title
Feed RSS
Notizie
apr
25
Cos’è un DNS e a cosa serve?
25/04/2021 - 23:36 PM

record-dnsIl Domain Name Server (DNS) è un protocollo standard che aiuta gli utenti di Internet a scoprire i siti Web utilizzando indirizzi leggibili dall’uomo.

Come una rubrica che ti consente di cercare il nome di una persona e scoprire il suo numero, il DNS ti consente di digitare l’indirizzo di un sito Web e di scoprire automaticamente l’indirizzo IP (Internet Protocol) di quel sito.

Propagazione DNS

A differenza di una rubrica telefonica, i record DNS vengono comunemente aggiornati, il che significa che l’indirizzo IP di un server può cambiare senza influire sugli utenti finali.

Gli utenti continuano a utilizzare lo stesso nome di dominio e vengono reindirizzati automaticamente al nuovo indirizzo. 

Dopo aver registrato un nuovo nome di dominio o quando aggiorni i server DNS sul tuo nome di dominio, di solito occorrono circa 12-36 ore affinché i server dei nomi di dominio in tutto il mondo siano aggiornati e in grado di accedere alle informazioni.

Questo periodo è indicato come propagazione.

Con la tecnologia DNS di nuova generazione, la propagazione può essere ridotta a pochi minuti o secondi.

Il DNS consente a più nomi host di corrispondere a un singolo indirizzo IP: questo può essere utilizzato per l’hosting virtuale, quando molti siti Web sono serviti da un singolo host. 

Un singolo nome host può anche essere risolto in molti indirizzi IP, al fine di distribuire il carico su più server.

Risoluzione DNS

In genere, quando ci si connette a una rete locale, un provider di servizi Internet (ISP) o una rete WiFi, il modem o il router invia le informazioni di configurazione della rete al dispositivo locale, inclusi uno o più server DNS.

 Questi sono i server DNS iniziali che il tuo dispositivo utilizzerà per tradurre i nomi host in indirizzi IP.

Un componente chiamato DNS Resolver è responsabile del controllo se il nome host è disponibile nella cache locale e, in caso contrario, contatta una serie di DNS Name Server, fino a quando non riceve l’IP del sito Web o del servizio che stai cercando di raggiungere. 

Se tutto funziona bene, l’operazione può richiedere meno di un secondo.

 Il processo è noto come risoluzione DNS di un nome host in un indirizzo IP.

Usi del DNS

L’uso classico del DNS consiste nel tradurre il nome di dominio in un URL in un indirizzo IP corrispondente. 

Ma il DNS ha molti più usi: è alla base di molte altre forme di comunicazione Internet:

  • Risoluzione dei nomi dei siti World Wide Web (WWW);
  • Instradamento dei messaggi a server di posta elettronica e servizi di webmail;
  • Collegamento di server app, database e middleware all’interno di un’applicazione web;
  • Reti private virtuali (VPN);
  • Programmi di condivisione peer-to-peer;
  • Giochi multiplayer;
  • Servizi di messaggistica istantanea e riunioni in linea;
  • Comunicazione tra dispositivi IoT, gateway e server.

Come funziona il DNS – Elementi fondamentali del DNS

Esistono quattro elementi costitutivi principali che consentono al DNS di funzionare:

  • DNS Resolver: un resolver DNS, chiamato anche resolver ricorsivo, è un server progettato per ricevere query DNS da browser web e altre applicazioni. Il resolver riceve un nome host, ed è responsabile della ricerca dell’indirizzo IP per quel nome host. Il resolver DNS potrebbe essere gestito dalla rete locale, da un provider di servizi Internet (ISP), da un operatore di telefonia mobile, da una rete WIFI o da altre terze parti. Il resolver inizia cercando nella sua cache locale o in quella del sistema operativo sul dispositivo locale: se il nome host viene trovato, viene risolto immediatamente. Se non viene trovato, il resolver contatta un DNS Root Servere riceve i dettagli di un TLD Name Server. Tramite il TLD Name Server, riceve i dettagli di un Authoritative Name Server e gli chiede l’IP che corrisponde al nome host richiesto. Quando riceve l’IP, la query viene risolta.
  • Server radice DNS: il server root è il primo passo nella traduzione di nomi host leggibili dagli utenti in indirizzi IP. Il dominio di primo livello (TLD) accetta il TLD fornito nella query dell’utente e fornisce dettagli per il server dei nomi TLD .com.
  • TLD Name Server: il TLD Name Server prende il nome di dominio fornito nella query e fornisce l’IP di un Authoritative Name Server. Questo è un server DNS che contiene record DNS per il dominio specifico. C’è un server dei nomi per ogni dominio di primo livello (TLD) – attualmente ci sono più di 1500 domini di primo livello valide, tra cui i domini di primo livello originali come .com e .org, codici dei paesi e nuovi TLD come .biz.
  • Authoritative Name Server: il server dei nomi autorevole è l’ultima fermata nella query del server dei nomi. L’Authoritative Name Server prende il nome di dominio e il sottodominio e, se ha accesso ai record DNS, restituisce l’indirizzo IP corretto al DNS Resolver. Con la crescita di Internet, lo standard dell’indirizzo IP originale, IPv4 (che consentiva solo fino a 4,3 miliardi di indirizzi IP) viene sostituito con IPv6 (che supporta fino a 1036 indirizzi IP). Sempre più spesso, i server DNS restituiscono IP utilizzando il formato IPv6.

I server dei nomi autorevoli sono organizzati utilizzando le zone DNS, ognuna delle quali ha un set chiuso di server dei nomi autorevoli.

Sono chiamati “autorevoli” perché possono fornire una risposta autorevole e corretta su qual è l’IP corrente per un dominio specifico.

A causa delle dimensioni di Internet, non è sufficiente disporre di un sistema di server dei nomi autorevoli e indirizzare ogni client al server dei nomi corretto.

 Per migliorare l’efficienza, ridurre il traffico DNS su Internet e migliorare le prestazioni, vengono utilizzati server cache DNS.

Questi server memorizzano i risultati delle query DNS in una cache e possono servirli immediatamente in risposta a una query.

I record DNS vengono memorizzati nella cache per un periodo di tempo chiamato “time to live”, definito nella configurazione di ciascun record DNS. 

Il tempo di vita è molto significativo perché determina la “freschezza” dei record DNS.

La memorizzazione nella cache non sarà efficace se gli utenti ricevono dati DNS non aggiornati, mentre l’IP degli host è già cambiato.

Tipi di record DNS

I record di risorse DNS (RR) sono gli elementi informativi di base del Domain Name System.

Sono voci nel database DNS che forniscono informazioni sugli host.

I record vengono archiviati fisicamente negli Zone Files sul server DNS.

I seguenti sono record DNS comuni:

  • Record di mapping degli indirizzi (A): record che contengono un nome host e il suo indirizzo IPv4 corrispondente.
  • Record indirizzo IP versione 6 (AAAA): record che contengono un nome host e il suo indirizzo IPv6 corrispondente.
  • Record di nomi canonici (CNAME): utilizzati per creare alias di nomi di dominio. Può essere utilizzato per creare l’alias di un dominio in un altro dominio.
  • Mail Exchanger Record (MX): specifica un server di scambio di posta per il nome di dominio, utilizzato nel protocollo SMTP per instradare i messaggi di posta elettronica al server di posta corretto.
  • Record del server dei nomi (NS): delega una zona DNS per l’utilizzo di un server dei nomi autorevole specifico.
  • Record puntatore di ricerca inversa (PTR): utilizzati per cercare i nomi di dominio in base a un indirizzo IP.
  • Record di certificato (CERT): memorizza i certificati di crittografia come PKIX, SPKI, PGP, ecc.
  • Service Location (SRV): record della posizione del servizio, come MX ma per altri protocolli più recenti.

Se hai bisogno di aiuto o vuoi maggiori informazioni, contatta il nostro supporto tecnico all’indirizzo mail o al numero +3906452216038, troverai un team di esperti in grado di rispondere ad ogni tua esigenza.





Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 100.24.115.215
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore