HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(22)Domini (4)dominio (83)Blog (93)Sicurezza (80)Wordpress (1)Cross-Site (3)vulnerabilità (22)wordpress (1)zero day (11)sicurezza (1)sitelock (36)News (2)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (11)seo (36)Hosting (7)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (29)Email (46)Server (4)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (2)affiliazione (2)guadagnare (94)Ecommerce (4)e-commerce (2)ecommerce (5)VPN (1)wi-fi (3)backup (4)server (39)marketing (2)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (2)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (5)vps (40)Blogging (4)blog (2)blogging (65)CMS (5)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (4)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (5)malware (1)phishing (1)server upgrade (3)prestashop (3)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (5)magento (2)Linux (3)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (2)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (2)metodi di pagamento (1)effetti sonori (3)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (35)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (2)responsive email (4)pec (3)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (4)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (28)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (80)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (5)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (3)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (2)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (2).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (2)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (5)drupal (4)joomla (1)travel blog (4)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (3)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (3)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (2)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (2)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch (1)pdf (1)hosting provider gratuito (1)Shopify (1)Usabilità web (2)temi (1)confronto file (1)quiz (1)mockup (1)hosting provider (2)chat (1)ristoranti (1)database (2)spam (1)tool (1)Javascript (1)automazione (1)forum (1)compressione (2)webserver (1)Caching (1)video (1)Normative (1)Collaborazione (1)unicorn (2)robots.txt (1)funnel (1)redirect (1)Markdown (2)Google Tag Manager (1)apache (1)Ajax (1)wamp (1)xampp (2)browser (1)OSCommerce (1)Blockchain (1)sottodominio (1)sviluppo Web (1)Moduli (1)TLD (1)Google Analytics (6)plugin (1)e-mail professionale (1)amazon (1)cache (1)multilingua (1)traduzioni (1)Bitcoin (1)script (2)CSS (1)exFAT (1)FAT32 (1)tabelle (1)Mobile App (1)Web App (1)codici a barre (1)multisito (1)google script (1)node.js (1)Download Manager (1)smtp. newsletter (1)cpanel (2)plesk (1)wildcard (1)elementor (1)obsidian (3)mail (1)andràtuttobene (1)solidarietàdigitale (1)xss (1)trasferimento (1)scraping (1)dns (1)wp-admin (1)favicon (1)maninthemiddle (1)cybersquatting (1)marchio (1)breadcrumb (1)gutenberg (1)uptime (1)media (1)social (1)core (1)vitals (1)web (1)velocità (1)errori (1)ux (1)condiviso (1)gtmetrix
Feed RSS
Notizie
mag
8

contenuti pagina webDurante la navigazione, può capitare di imbattersi in un sito web che presenti alcuni contenuti propri del tuo sito: in questi casi è naturale chiedersi come siano arrivati sul quel sito e cosa si possa fare per rimuoverli.

Sfortunatamente, indipendentemente dalle misure che intraprendi per proteggere il tuo contenuto originale, c’è sempre la possibilità che un altro sito lo rubi e lo pubblichi come suo.

 La buona notizia è che puoi fare ricorso per trovare contenuti che sono stati rubati e rimuoverli dai siti offensivi. 

In questo articolo tratteremo come e perché i contenuti web vengono rubati, i modi per rintracciare e rimuovere i contenuti rubati da Internet e i passaggi che puoi intraprendere per limitare le possibilità che si ripetano con contenuti futuri. 

Perché e come vengono rubati i contenuti?

Non esiste una risposta immediata sul motivo per cui i contenuti finiscono per essere rubati, ma un metodo comune per farlo è lo scraping dei contenuti del blog. 

Lo scraping dei contenuti del blog è essenzialmente quando un sito Web o una persona prende il tuo contenuto e lo fa passare come proprio sul proprio sito senza darti attribuzione o credito.

Questo può essere fatto sia manualmente che automaticamente con un plugin o un bot.

È più probabile che un contenuto venga rubato quando ritenuto prezioso.

Mentre rubare contenuti è sbagliato, molti siti trovano più facile pubblicare semplicemente il lavoro di qualcun altro piuttosto che scrivere i propri articoli o creare dei contenuti originali.

Come trovare contenuti rubati

Il furto di contenuti è una pratica spiacevole, ma avviene regolarmente.

Indipendentemente dalla piattaforma che ospita il tuo sito, ci sono alcune cose che puoi fare al riguardo.

Il primo passo del processo è scoprire se i tuoi contenuti sono stati rubati e chi li sta utilizzando illegalmente.

  • Google Alert: così come si possono impostare avvisi di Google per notificare via email ogni volta che il tuo marchio viene menzionato, lo stesso metodo può essere utilizzato per avvisarti quando i tuoi contenuti vengono utilizzati impropriamente. Il modo più semplice per scoprire che i tuoi contenuti vengono utilizzati senza la tua autorizzazione è utilizzare uno degli strumenti più popolari sul Web che probabilmente già utilizzi. Tutto quello che devi fare è visitare il sito di Google Alert, incollare una sezione di qualsiasi articolo che desideri controllare, scegliere il tipo di siti Web in cui desideri eseguire la ricerca, quindi inserire il tuo indirizzo email. Dopo averlo fatto, Google può contattarti e informarti di qualsiasi luogo in cui il contenuto viene utilizzato secondo i criteri che hai indicato. Gli avvisi possono essere inviati su base giornaliera o settimanale oppure puoi scegliere di essere avvisato solo quando Google rileva che i tuoi contenuti vengono utilizzati. In questo modo, riceverai avvisi automatici ogni volta che i tuoi contenuti vengono rubati o utilizzati senza la tua autorizzazione. 
  • Effettua una ricerca manuale dei contenuti rubati: gli avvisi di Google sono un ottimo modo per impostare notifiche automatiche per i contenuti rubati, ma anche effettuare una ricerca manuale per vedere se i tuoi contenuti sono stati rubati è una soluzione molto semplice da mettere in atto. Ci sono numerosi strumenti di antiplagio online che ti permettono di trovare contenuti che sono stati rubati e pubblicati altrove su Internet. Tutto ciò che devi fare è fornire l’URL del tuo sito web e questi strumenti effettueranno la ricerca al posto tuo, informandoti se e dove il tuo contenuto viene ripubblicato.

Come rimuovere i contenuti rubati

Se, dopo aver impostato Google Alert e fatto una ricerca manuale, hai scoperto che il tuo contenuto è stato rubato, non preoccuparti: ci sono modi per far rimuovere questo contenuto.

Non preoccuparti, non sei solo e ci sono modi per farlo eliminare. 

  1. Trova e contatta l’host offensivo: il furto di contenuti è illegale e gli host che ospitano tali siti potrebbero avere un pessimo ritorno d’immagine. È probabile che i siti che rubano i tuoi contenuti non abbiano una pagina di informazioni di contatto. Quindi, se non riesci a trovare un modo per contattare i siti offensivi, scopri chi ospita il loro sito e presenta un reclamo DMCA (Digital Millennium Copyright Act) contro il sito. Dopo aver trovato le informazioni di contatto per l’host dei siti offensivi, contattali e informali della pratica illegale. Qualsiasi host rispettabile prende sul serio i reclami e le richieste DMCA e la maggior parte delle volte rimuoverà il contenuto rubato o addirittura interromperà l’intero sito per aver violato il loro contratto con l’utente.
  2. Presenta un reclamo DMCA utilizzando gli strumenti di Google: un’altra cosa che puoi fare è presentare un reclamo DMCA ufficiale direttamente a Google. Puoi farlo direttamente all’interno di Google Search Console. Innanzitutto, dovrai registrarti e verificare il tuo sito webcon Google. Dopo averlo fatto, puoi utilizzare il suo strumento di rimozione del copyright. Fai clic su “Crea nuovo avviso”, quindi inserisci tutte le informazioni pertinenti che sei in grado di fornire. Se segui questo metodo, è importante essere in grado di dimostrare che i tuoi contenuti sono stati effettivamente rubati. False affermazioni possono danneggiare la reputazione del tuo account con Google. Un modo valido per fornire la prova che il tuo contenuto è stato rubato è quello di poter mostrare che è stato pubblicato sul tuo sito web prima dei siti offensivi. 

Come prevenire futuri furti di contenuti

Come puoi vedere, rintracciare e cercare di ottenere la rimozione di contenuti rubati può richiedere molto tempo.

Ciò significa che la tua migliore difesa contro il furto di contenuti è evitare che questo accada.

Sfortunatamente, non ci sono molti modi per prevenire questi furti: la soluzione migliore è incoraggiare i potenziali ladri a non rubare i tuoi contenuti, assicurandoti di avere una pagina dei Termini di utilizzo e una Politica di utilizzo accettabile che dichiari apertamente che i tuoi contenuti non possono essere utilizzati senza la tua autorizzazione.

Se i tuoi contenuti vengono rubati, non scoraggiarti.

Ricorda, se altri siti stanno rubando i tuoi contenuti, probabilmente significa solo che stai scrivendo contenuti che vale la pena leggere.

La cosa migliore che puoi fare è continuare a creare contenuti fantastici che siano pertinenti e utili per i tuoi clienti o lettori.

Se hai bisogno di aiuto o vuoi maggiori informazioni, contatta il nostro supporto tecnico all’indirizzo mail o al numero +3906452216038, troverai un team di esperti in grado di rispondere ad ogni tua esigenza.





Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 44.192.254.246
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore