HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(16)Domini (3)dominio (47)Blog (75)Sicurezza (60)Wordpress (1)Cross-Site (1)vulnerabilità (9)wordpress (1)zero day (8)sicurezza (1)sitelock (25)News (2)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (11)seo (21)Hosting (4)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (25)Email (35)Server (4)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (2)affiliazione (2)guadagnare (84)Ecommerce (4)e-commerce (2)ecommerce (4)VPN (1)wi-fi (1)backup (3)server (34)marketing (2)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (2)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (3)vps (21)Blogging (4)blog (2)blogging (46)CMS (3)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (2)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (5)malware (1)phishing (1)server upgrade (2)prestashop (2)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (4)magento (1)Linux (2)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (1)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (2)metodi di pagamento (1)effetti sonori (3)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (25)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (2)responsive email (3)pec (3)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (4)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (25)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (70)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (5)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (2)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (2)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (2).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (2)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (4)drupal (4)joomla (1)travel blog (3)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (2)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (2)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (1)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (2)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch (1)pdf (1)hosting provider gratuito (1)Shopify (1)Usabilità web (1)temi (1)confronto file (1)quiz (1)mockup (1)hosting provider (2)chat (1)ristoranti (1)database (1)spam (1)tool (1)Javascript (1)automazione (1)forum (1)compressione (2)webserver (1)Caching (1)video (1)Normative (1)Collaborazione (1)unicorn (2)robots.txt (1)funnel (1)redirect (1)Markdown (2)Google Tag Manager (1)apache (1)Ajax (1)wamp (1)xampp (1)browser (1)OSCommerce (1)Blockchain (1)sottodominio (1)sviluppo Web (1)Moduli (1)TLD (1)Google Analytics (1)plugin (1)e-mail professionale (1)amazon (1)cache (1)multilingua (1)traduzioni (1)Bitcoin (1)script (2)CSS (1)exFAT (1)FAT32
Feed RSS
Notizie
nov
13

Anche i grandi sbagliano. La storia del web è costellata da fallimenti eclatanti. Siti che nonostante le migliori intenzioni non ce l’hanno fatta e che sono spariti o finiti nel dimenticatoio. In questo articolo analizzeremo e valuteremo i motivi alla base del fallimento di 5 famosi siti.

 

 

 

 

Daily Radar

Daily Radar era un sito che proponeva notizie sul gaming. Nasce nel 2000 e chiude i battenti nel 2001, vittima della bolla del punto com.

L’idea, però, sopravvive e trova espressione in un sito del Regno Unito con il nome di GamesRadar che, a differenza del predecessore, ha molto più successo.

Per quale motivo Daily Radar non ce l’ha fatta? Parte del suo fallimento è legato a pratiche giornalistiche scorrette; Spesso stroncava consolle di gioco solo per ottenere maggiore visibilità (i.e. link bait) oppure offriva recensioni eccessivamente positive su aziende amiche. Un fallimento legato alla mancanza di obiettività e di integrità giornalistica.

 

 

Nupedia

Sito molto simile a Wikipedia con, però, una grossa differenza; Il sito non consentiva l’editing da parte del pubblico, l’idea vincente cha ha fatto grande Wikipedia. In Nupedia tutti gli articoli venivano gestiti ed inseriti da un numero limitato di collaboratori. Sulla carta l’idea è ottima: “Un Wikipedia di cui potersi fidare con articoli attendibili!”. Sfortunatamente questa impostazione rendeva molto rari gli aggiornamenti e nel 2003 gli articoli erano solo 24. Qual è la morale? Semplice. I contenuti devono essere proposti regolarmente ed in maniera consistente.

 

 

Google Answers

Strano a dirsi ma anche Google ha all’attivo diversi fallimenti. Google Answers per esempio. Un “Knowledge market” dove gli utenti potevano chiedere ad altri utenti di effettuare ricerche e di reperire dati al posto loro a fronte di una remunerazione prestabilita. Il risultato è stato però un inaspettato aumento di dati copiati ed azioni legalmente dubbie. Il servizio venne chiuso nel 2006, quattro anni dopo il suo lancio. Se decidi di proporre una nuova funzionalità o un nuovo servizio valuta con attenzione tutti gli usi che è possibile farne.

 

 

Digg

Digg.com è ancora in vita ma è l’ombra di ciò che è stato quando fu lanciato. Inizialmente Digg era una piattaforma social dove gli utenti potevano condividere i contenuti trovati online in maniera analoga a quanto accade con Reddit. Il crollo ebbe luogo subito dopo un importante aggiornamento (il cui scopo era quello di renderlo più simile a Twitter) che rimosse molti degli elementi social che avevano contribuito al suo successo. Una strategia fallimentare che indispettì gli utenti e che li indusse a rivolgere la propria attenzione verso altri siti.

La lezione da imparare è che non bisogna mai ignorare le esigenze degli utenti o stravolgere l’oggetto alla base di un progetto già avviato.

 

 

MySpace

L’ultimo della lista è MySpace; Sito ancora operativo ma la cui notorietà oggi non è minimamente paragonabile a quella avuta immediatamente dopo il lancio nel lontano 2007. Motivo della sua disfatta? Facebook. L’errore commesso da MySpace è stata la sua riluttanza a cambiare, ad adeguarsi ai tempi e ad intercettare le esigenze dei propri utenti.

L'articolo 5 siti famosi che hanno fallito. Ecco i motivi sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.





Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 3.231.229.89
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore