HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(13)Domini (3)dominio (28)Blog (61)Sicurezza (31)Wordpress (1)Cross-Site (1)vulnerabilità (7)wordpress (1)zero day (8)sicurezza (1)sitelock (16)News (1)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (8)seo (18)Hosting (4)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (18)Email (28)Server (3)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (1)affiliazione (2)guadagnare (65)Ecommerce (3)e-commerce (1)ecommerce (3)VPN (1)wi-fi (1)backup (2)server (29)marketing (1)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (1)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (3)vps (21)Blogging (3)blog (2)blogging (42)CMS (3)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (1)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (4)malware (1)phishing (1)server upgrade (2)prestashop (2)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (2)magento (1)Linux (2)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (1)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (1)metodi di pagamento (1)effetti sonori (2)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (16)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (1)responsive email (2)pec (2)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (3)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (20)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (36)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (3)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (2)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (1)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (1).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (1)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (3)drupal (2)joomla (1)travel blog (1)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (2)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (2)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (1)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (1)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch
Feed RSS
Notizie
giu
25

referrer spamUno degli aspetti più fastidiosi del web è il cosiddetto SPAM.  La definizione più comune associa la parola spam all’invio di messaggi indesiderati che risultano essere, nella maggior parte dei casi, di natura commerciale.  Esiste, però, anche un’altra forma di SPAM che riguarda da vicino i webmaster e tutti coloro che gestiscono un sito web; Il cosiddetto “Referrer spam”.

 

 

SPAM classico

Lo SPAM legato all’invio di email non richieste di carattere commerciale non è solo un fastidio, ma, rubando banda utile al sito, può diventare un problema serio (i.e. rallentamento eccessivo) costringendo i webmaster ad aumentare le risorse a disposizione e mantenere, così, uno standard di servizio all’altezza delle aspettative.

Come prevenirlo:

  • Non inserire l’indirizzo mail nel sito.  Il contatto con i clienti può avvenire tramite un semplice form dotato di captcha.  Utilizzare script in javascript spesso non è una soluzione in quanto molti programmi utilizzati dagli spammers sono in grado di decifrarli. Inserire l’indirizzo email sotto forma di immagine può essere un’altra soluzione anche se questo non ci mette a riparo da eventuali inserimenti manuali delle mail in liste di spamming.
  • Blackhole.  Un’altra tecnica utilizzata dagli spammers consiste nell’inviare email ad indirizzi “plausibili” specificando correttamente solo il nome del dominio (ad esempio prova@iltuodominio.it).  I mailserver sono infatti configurati in modo tale da gestire eventuali errori inoltrando le mail riportate in maniera non corretta ad indirizzi reali (prova@iltuodominio.it viene inoltrato automaticamente ad un indirizzo esistente tipo info@iltuodominio.it).  Purtroppo quello che è un servizio utile il cui scopo è di recapitare mail digitate in maniera errata diventa, per gli spammer, un mezzo efficace per raggiungere le caselle di posta.  Il modo per evitare che ciò avvenga è quello di implementare i filtri direttamente sul mailserver e di bannare automaticamente le email provenienti da IP presenti sua una black list.

 

 

Referrer SPAM 

Il referrer SPAM è una tecnica che utilizza mezzi diversi dalle email ed ha obiettivi legati al SEO e non alla vendita di prodotti commerciali (almeno non direttamente).  Agisce tramite crawlers (software simili allo spider Googlebot) che scansionano la rete visitando un altissimo numero di siti.  A differenza di quanto avviene per un nomale bot, la scansione avviene falsificando l’user agent contenente i dettagli dell’utente visitatore in modo tale da far comparire nel referer (la parte che indica il sito web di provenienza) un URL specifico.  Questi indirizzi, inseriti nei log di accesso del sito, sono visibili non solo dal software di monitoraggio del traffico (Google Anlytics per esempio), ma anche dai crawlers di Google che identificano i link inseriti nei log come dei backlink che, come ben sappiamo, apportano un importante contributo al SEO.  Il problema per il webmaster nasce quando gli algoritmi dei crawlers di Google, valutando come spam gli URL dello spammer, entrano in azione eliminando questi indirizzi e penalizzando il sito ospite (quello visitato) con rank più bassi o, nei casi peggiori, inserendolo in una black list.

Un sito che ha utilizzato questa tecnica in maniera massiva è Semalt, un sito che offre software di monitoraggio e che, grazie al referrer spam, è riuscito a raggiungere i primi posti nelle ricerche di Google. 

 

Come difendersi dal referrer SPAM

  • Htaccess. Il modo più semplice consiste nell’insrire il seguente codice nel file .htaccess:
    ## SITE REFERRER BANNING
    RewriteCond %{HTTP_REFERER} semalt.com [NC,OR]
    RewriteCond %{HTTP_REFERER} buttons-for-website.com [NC,OR]
    RewriteCond %{HTTP_REFERER} seoanalyses.com [NC]
    RewriteRule .* - [F]
  • Per chi non ha accesso al file htaccess ed utilizza wordpress può utilizzare un plagin creato da Peading chiamato Semalt Blocker for wordpress.
  • Filtro di Google Analytics.  Creare un filtro su Google Analytics può essere un’altra soluzione.
  • Uno script in grado di evitare che Semalt riesca ad inserire i suoi dati nei nostri log è scaricabile da github.
  • Un altro script molto valido è scaricabile qui.

 

 

Cosa facciamo noi di HostingPerTe

La nostra infrastruttura monitora e filtra tutti i dati prima che essi vengano elaborati dai server prevenendo i problemi legati allo SPAM sia in entrata che in uscita.  Il sistema, benché supportato da hardware e software avanzati, non è infallibile.  Consigliamo, pertanto, di adottare tutte le accortezze necessarie per prevenire e limitare i danni derivanti dallo SPAM.

L'articolo Referrer Spam: come difenderci sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »







Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 54.82.93.116
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore