HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(13)Domini (3)dominio (28)Blog (61)Sicurezza (31)Wordpress (1)Cross-Site (1)vulnerabilità (7)wordpress (1)zero day (8)sicurezza (1)sitelock (16)News (1)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (8)seo (18)Hosting (4)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (18)Email (28)Server (3)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (1)affiliazione (2)guadagnare (65)Ecommerce (3)e-commerce (1)ecommerce (3)VPN (1)wi-fi (1)backup (2)server (29)marketing (1)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (1)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (3)vps (21)Blogging (3)blog (2)blogging (42)CMS (3)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (1)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (4)malware (1)phishing (1)server upgrade (2)prestashop (2)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (2)magento (1)Linux (2)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (1)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (1)metodi di pagamento (1)effetti sonori (2)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (16)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (1)responsive email (2)pec (2)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (3)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (20)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (36)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (3)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (2)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (1)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (1).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (1)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (3)drupal (2)joomla (1)travel blog (1)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (2)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (2)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (1)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (1)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch
Feed RSS
Notizie
ott
5

come-creare-appIl trend è chiaro; la percentuale di utenti che consultano il web tramite smartphone è in costante ascesa.  Lo scenario, negli ultimi anni, è cambiato e diventa sempre più importante essere presenti sul web non solo con il classico sito (comunque indispensabile), ma anche con APP che rispondono alle esigenze di molti cibernauti.  Come si crea un APP? Quali sono gli strumenti necessari? Occorre essere programmatori professionisti?

A queste ed altre domande daremo risposta nell’articolo che segue.

 

Creare un’APP per dispositivi mobili che sia interessante e funzionale non necessariamente richiede una formazione di alto livello in ambito informatico.  Così come è accaduto in passato per i siti web dove la creazione di diversi strumenti hanno consentito a chiunque di costruire siti internet senza la necessità di scrivere neanche una riga di codice (i.e. CMS o Sitebuilder ), così anche per il mondo delle APP esistono servizi terzi capaci di gestire l’intero processo legato allo sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili.  Va detto, però, che avere una conoscenza base della programmazione consente di creare APP uniche e di aumentarne le probabilità di successo.

Ecco una panoramica dei principali ambiti operativi delle APP:    

 

 

iOS

Mentre Android rappresenta la parte più consistente dell’intero ecosistema legato alle applicazioni, iOS ha mostrato, negli ultimi tempi, un interessante recupero.  Se poi si ha intenzione di rendere economicamente proficue le APP create, va notata l’alta propensione degli utenti iOS a spendere soldi sulle applicazioni mobile.

Per iniziare occorre registrarsi nel Programma Sviluppatori iOS  al costo $ 99/anno.  Fatto ciò occorre scaricare XCode  , l’IDE ufficiale (Integrated Development Environment – Ambiente di Sviluppo Integrato) per ambienti iOS e Mac.

Apple fornisce un tutorial  di base per l’uso di XCode.  Apple fornisce anche una suite di strumenti per testare, distribuire e monetizzare la tua APP.

Una volta ultimato lo sviluppo e la fase test occorre inviare l’APP al centro revisione della Apple.  Solo una volta ricevuto il benestare dal centro controllo sarà possibile inserire l’applicazione nello store della Apple.

 

 

Android

Per poter inserire le APP in Google Play occorre iscriversi al Google Play Developer Account il cui costo è di $ 25 da versare una tantum.  A differenza di quello che accade per le applicazioni Apple, il processo di inserimento per le APP Android è molto più semplice e veloce.  Una volta caricata l’applicazione essa sarà disponibile in poche ore.

Google offre una guida passo passo per lo sviluppo di APP Android. 

Per iniziare occorre scaricare Android Studio

Anche se esistono diverse IDE, Android Studio è quello ufficiale Android.  Se intendi impegnarti nello sviluppo di APP Android è opportuno avere un’infarinatura del linguaggio Java.  Android Studio consente di sviluppare, testare e monetizzare le APP create.  Una volta ultimata la fase di sviluppo e di test sarà possibile pubblicarla utilizzando Google Play Developer Console

 

 

Windows Phone

Windows è il sistema operativo meno utilizzato in ambito mobile.  Ancora non è chiaro se il tentativo di avvicinare l’ambiente desktop ai dispositivi mobili tramite Windows 10 abbia avuto gli effetti sperati.  Il tempo ci dirà se questa strategia è stata vincente o meno.

Windows fornisce una piccola guida per lo sviluppo di APP.  Per poter iniziare occorre ottenere un Account Sviluppatore Windows e versare una quota iniziale di $ 19.

Lo sviluppo delle APP avviene tramite Microsoft Visual Studio.  La APP Windows utilizzano diversi linguaggi come C#, C++ e javascript con HTML/CSS.

Per poter testare l’APP sul proprio dispositivo mobile occorre registrarlo come dispositivo per i test, anche se esistono diversi emulatori in grado di verificare le varie funzionalità implementate.  Una volta terminati i test, l’APP va pubblicata sullo store Windows.

Windows ha anche creato una suite, APP Studio, per la creazione di APP con pochi click senza la necessità di inserire neanche una riga di codice.

L'articolo Come creare un’ APP per iOS, Android o Windows sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »







Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 54.226.209.201
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore