HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(13)Domini (3)dominio (28)Blog (61)Sicurezza (31)Wordpress (1)Cross-Site (1)vulnerabilità (7)wordpress (1)zero day (8)sicurezza (1)sitelock (16)News (1)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (8)seo (18)Hosting (4)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (18)Email (28)Server (3)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (1)affiliazione (2)guadagnare (65)Ecommerce (3)e-commerce (1)ecommerce (3)VPN (1)wi-fi (1)backup (2)server (29)marketing (1)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (1)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (3)vps (21)Blogging (3)blog (2)blogging (42)CMS (3)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (1)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (4)malware (1)phishing (1)server upgrade (2)prestashop (2)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (2)magento (1)Linux (2)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (1)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (1)metodi di pagamento (1)effetti sonori (2)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (16)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (1)responsive email (2)pec (2)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (3)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (20)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (36)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (3)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (2)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (1)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (1).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (1)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (3)drupal (2)joomla (1)travel blog (1)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (2)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (2)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (1)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (1)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch
Feed RSS
Notizie
gen
30
Analisi del file robots.txt
30 gen 2017 11:50

robots_txtQuando un motore di ricerca approda per la prima volta su un sito web ha il compito di analizzare ed archiviare diverse informazioni. Può capitare, però, che molte di questi dati siano di scarsa rilevanza ai fini della ricerca e dell’indicizzazione. Nasce così il file robots.txt il cui compito è quello di indicare quali pagine ed articoli devono essere indicizzati e quali invece no. Nel seguente post analizzeremo come è composto e quali funzioni è in grado di svolgere.

 

 

Cos’è

Il primo file che viene analizzato dai crowler dei vari motori di ricerca è il file robots.txt. All’interno di esso, infatti, sono contenute le direttive per la scansione; in altre parole indica quali sono le directory da valutare e quali, invece, quelle da ignorare. Il suo compito, però, non si limita a questo. Il file robots.txt fornisce anche altre indicazioni come, ad esempio, ogni quanto la scansione del sito/blog va effettuata.
Una volta creato, il file robots.txt va caricato nella directory principale del sito web. Ad esempio, se il sito ha indirizzo http://www.hostingperte.it, il file dovrà essere accessibile all’indirizzo http://www.hostingperte/robots.txt

 

 

 

Contenuto di robots.txt

Innanzitutto va chiarito che il file robots.txt contiene una lista di pagine e directory che gli spider non devono prelevare.

Ciò significa che l’istruzione da fornire allo spider è del tipo: “preleva questa pagina” e non: “NON prelevare questa pagina”. Uno degli errori più comuni, infatti, consiste nella errata interpretazione della funzione del file robots.txt e nella sua conseguente impostazione non corretta. Va chiarito che il comando Allow (i.e. consenti) indica solo l’URL di una sottodirectory, appartenente ad una directory bloccata, che si intende sbloccare.

 

 

 

Struttura del file

Il file ha una struttura molto semplice. Esso è composto essenzialmente da righe con istruzioni del tipo:

<campo> : <valore>

Campo: qui va inserito il nome del crowler a cui la direttiva è destinata (Qui una lista degli user agent disponibili). Per indicare che la direttiva è valida per tutti crowler occorre inserire il carattere *
Valore: Qui invece indichiamo se la directory non necessita di scansione. Utilizzeremo quindi il comando Disallow ( o Allow se trattasi di una sotto directory).

Esempio:

User-agent: scooter
Disallow: /

User-agent: googlebot
Disallow: /generico.html
Disallow: /collegamenti.html
Disallow: /cgi-bin/

User-agent: *
Disallow:

Il file in esempio blocca completamente AltaVista ed impedisce a Google l’accesso ad alcuni file e directory lasciando libero l’accesso a tutti gli altri motori di ricerca.

Altri comandi utili da utilizzare sono: 

  • Sitemap: percorso del file contenente la mappa del sito
  • Visit-Time: Orario nel quale effettuare la scansione (esempio: Visit-time: 0800-1330. Effettuare la scansione solo tra le ore 8:00 e le ore 13:30.
  • Request-rate: Numero massimo di pagine da visitare in un dato intervallo di tempo (ad esempio Request-rate: 3/10 significa visitare massimo tre pagine ogni 10 secondi)

L'articolo Analisi del file robots.txt sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »



gen
25

seo e hostingMolti imprenditori usano una cospicua parte del loro budget per migliore l’aspetto estetico del proprio sito aziendale al fine di attrarre nuovi clienti.  Premettendo che l’aspetto stilistico di un sito ha la sua importanza, va ricordato che qualunque sforzo di miglioramento diventa vano se il sito non viene trovato.

L’importanza dei contenuti di un sito ai fini SEO è ormai acclarata, ma spesso si trascura un altro aspetto di uguale rilevanza; la qualità dell’hosting provider.

Un hosting provider affidabile e ben strutturato costituisce un fattore da prendere in debita considerazione.

 

 

 

Uptime e Downtime

Esiste una stretta correlazione tra il ranking SEO e l’accessibilità del sito.  Un sito che non risulta accessibile per motivi legati a downtime del server sul quale è ospitato è soggetto ad essere penalizzato e a retrocedere nel ranking dei motori di ricerca.  E’ quindi opportuno orientare la propria scelta verso quegli hosting provider dotati di una struttura consolidata ed all’avanguardia in grado di ridurre al minimo i default dei propri server (magari grazie anche a strutture ridondate) e di garantire un servizio ottimale ai propri clienti.

 

 

 

Velocità

Ad influenzare il ranking SEO è anche la velocità di caricamento delle pagine del sito.  La concorrenza su internet è feroce ed i potenziali clienti non sono disposti ad investire il loro tempo su un sito lento.  E’ possibile controllare la velocità del proprio sito curandone i contenuti e la codifica, ma è bene saper che molto dipende dall’host.  In fase di scelta valutare le tipologie di hard drive utilizzati, la location della farm (se dislocata in un paese estero i tempi sono necessariamente lunghi) e se l’hosting è ottimizzato per il tuo CMS come, ad esempio, WordPress.

 

 

 

IP

Come anticipato in precedenza, la dislocazione del web host ha un impatto importante sul ranking SEO. Gli algoritmi di Google, per esempio, prendono in considerazione questo aspetto e premiano quelle aziende il cui sito è situato nella stesa area geografica dell’indirizzo IP.

Ribadiamo, poi, la diretta proporzionalità tra luogo in cui è ospitato il server e velocità di consultazione del sito.

 

 

 

Sicurezza

Una scarsa attenzione all’aspetto sicurezza comporta, tra le altre cose, una forte penalizzazione del sito ai fini SEO.  Un attacco informatico che, per esempio, produce una serie di backlinks fasulli risulta in forti penalizzazioni da parte di Google.  La rimozione della falla e la gestione dell’attacco a volte non è sufficiente a recuperare le posizione perse nel ranking.

Una scarsa attenzione alla gestione della sicurezza  può comportare l’infezione del sistema da parte di malware ed il conseguimento inserimento del proprio sito nella blacklist di Google.

I clienti di HostingPerTe sono tutelati da SiteLock, software in grado di proteggere il sito da attacchi informatici e di individuare ed eliminare eventuali software dannosi (i.e. malware) prima che possano danneggiare i sito ed i suoi clienti.

 

 

 

Supporto HTTPS e SSL

L’attenzione dei gestori di siti web nei confronti dei propri clienti e dei loro dati è sempre maggiore e molti decidono di avvalersi dell’ HTTPS per tale fine.  Google ha recentemente comunicato che l’SSL è ora un fattore di valutazione in ambito SEO.  Il peso di tale fattore non è per il momento di particolare rilievo, ma tutto lascia intendere che esso ricoprirà un ruolo sempre maggiore negli algoritmi di Google.

Assicurati quindi che l’hosting provider sia pronto a supportarti in tale scelta e valuta quali sono gli step necessari per implementare tale modifica. 

 

 

 

Supporto tecnico

Arriva il momento in cui diventa necessario il supporto da parte di personale specializzato in problematiche legate al server o ad impostazioni particolari del proprio sito.  E’ questo il momento in cui viene fuori la vera essenza del provider e si capisce se la scelta effettuata è stata quella  giusta.  Fondamentale sono, inoltre, gli orari in cui è possibile contattare il supporto tecnico.  Noi di HostingPerTe forniamo assistenza 7 giorni su 7 e 24 ore su 24.  Effettua le tue valutazioni magari leggendo le valutazioni lasciate da altri utenti sui social.

 

La scelta dell’hosting provider giusto è di fondamentale importanza per il successo del tuo sito.  Non lasciare al caso tale decisione e valuta bene tutti gli aspetti legati alla qualità ed al supporto offerto dall’azienda che gestirà il frutto del tuo lavoro.  Se necessiti di ulteriori informazioni non esitare a contattarci.

L'articolo Perché un hosting provider di qualità è fondamentale per il SEO sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »



dic
9

ottimizzare immagini seoSEO ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca è il mantra (e spesso l’ossessione) di chiunque abbia a cuore il proprio sito web e cerchi di scalare le classifiche dei siti presenti sul web. Senza il SEO il tuo sito aziendale rischia di sprofondare in fondo alla lista composta da migliaia di siti che propongono prodotti e/o servizi simili o uguali a quelli da te offerti.

 

 

 

Per i neofiti proponiamo una lista di azioni in grado di migliorare il ranking del proprio sito:

  • Ricerca keyword: Identifica le parole chiave maggiormente utilizzate dagli utenti in fase di ricerca sui motori. Una volta individuate, inseriscile tra i contenuti del tuo sito.
  • Nome a dominio: Scegli un nome a dominio attinente all’attività oggetto del tuo sito.
  • URL pagine: Evitare l’uso di pagine caratterizzate da codici e sigle prive di significato. Utilizzare url il cui nome identifichi il contenuto della pagina.
  • Marketing sui social: Utilizzare i siti social (i.e. FaceBook, Instagram, ecc) per raggiungere il maggior numero di utenti possibile sui diversi network.
  • Testimonial e recensioni: Recensioni positive su siti di settore possono dare un notevole impulso al tuo sito.
  • Link esterni o back link: Condividi i contenuti del tuo sito su siti o blog che trattano argomenti correlati con l’oggetto del tuo sito. Questo è un ottimo modo per migliorarne il ranking.

 

 

Come gestire le immagini?

Qualunque cosa venga inserita sul tuo sito web è suscettibile di miglioramenti ai fini SEO, incluso le immagini. Le immagini di un sito rivestono un ruolo molto importante. Nonostante ciò esse vengono spesso trascurate. Ottimizzarle per il web, quindi, può farti fare passi in avanti nei confronti dei tuoi competitor.

 

1 – Utilizzare nomi ricollegabili alle parole chiave
I nomi utilizzati per le immagini devono essere attinenti all’oggetto della foto. Se l’immagine identifica un luogo ben preciso, utilizzare il nome della località. Lo stesso dicasi per prodotti e/o servizi specifici.

 

2 – Utilizzare il testo alternativo
Il testo alternativo (i.e. ALT) attributo del tag <IMG> che in linguaggio HTML fornisce informazioni testuali alternative quando le immagini non possono essere visualizzate.
Ideale per parole chiave specifiche (i.e. long tail).

 

3 – Uno sguardo più approfondito

  • Seleziona un sito che ti piace (o visita quello di un tuo competitor)
  • Clicca con il tasto destro su un punto qualsiasi della pagina e seleziona “Visualizza sorgente pagina”.
  • Si aprirà una nuova finestra con il codice html della pagina.
  • Cliccare il tasto Ctrl + F e scrivere, quindi “img” nel campo di ricerca.
  • Compariranno tutte le immagini presenti nella pagina.
  • Analizzale e vedi in che modo sono stati impostati gli attributi alt.
  • Studia e prendi nota di come i migliori hanno deciso di utilizzare ed impostare le immagini inserite sul loro sito.

 

Ecco un esempio preso dalla nostra pagina relativa ai server vps:

vps prezzi e specifiche

notare i testi inseriti negli attributi alt

codice sorgente vps

Non lasciarti impressionare dal codice. Sembra complesso ma è davvero molto semplice leggerlo ed interpretarlo. Esistono poi plug-in WordPress e CMS in grado di facilitare ulteriormente questa operazione.

L'articolo Come ottimizzare le immagini per il SEO sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »







Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 54.81.166.196
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore