HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(13)Domini (3)dominio (28)Blog (61)Sicurezza (31)Wordpress (1)Cross-Site (1)vulnerabilità (7)wordpress (1)zero day (8)sicurezza (1)sitelock (16)News (1)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (8)seo (18)Hosting (4)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (18)Email (28)Server (3)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (1)affiliazione (2)guadagnare (65)Ecommerce (3)e-commerce (1)ecommerce (3)VPN (1)wi-fi (1)backup (2)server (29)marketing (1)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (1)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (3)vps (21)Blogging (3)blog (2)blogging (42)CMS (3)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (1)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (4)malware (1)phishing (1)server upgrade (2)prestashop (2)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (2)magento (1)Linux (2)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (1)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (1)metodi di pagamento (1)effetti sonori (2)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (16)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (2)mailing list (1)responsive email (2)pec (2)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (3)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (20)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (36)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (3)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (2)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (1)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (1).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (2)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (1)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (3)drupal (2)joomla (1)travel blog (1)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (2)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (2)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (2)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (1)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina (1)PrestaShop oppure WooCommerce (1)carte di credito (1)librerie javascript (1)DDR5 (1)plugin monetizzazione (1)Wireless (2)drag and drop (1)web server (1)Curricula digitali (1)name server (1)Autenticazione a due fattori (1)Trend Tech (1)business online (1)Keylogger (1)infopreneur (1)E-book (1)WanaKiwi (1)file LNK (1)hub (1)router (1)switch
Feed RSS
Notizie
ago
26

quality scorePer molti utenti AdWords è lo strumento ideale per ottenere alti ROI.  Perché ciò accada, però, è necessario che si abbia cognizione del suo funzionamento e di quali step occorra seguire per ridurre il costo per click.  In questo articolo parleremo di come viene calcolato il cpc, dell’importanza del Quality Score e di come aumentare l’efficacia delle proprie campagne agendo su questo parametro.

 

 

AdRank

Ogni volta che su Google viene fatta una ricerca, inizia un’asta tra gli inserzionisti AdWords per conquistare i 10 posizionamenti disponibili per gli annunci sponsorizzati.  Il dato che viene preso in considerazione dall’algoritmo che stabilisce chi vince l’asta è l’AdRank.

 

L’AdRank è un punteggio che determina il valore medio dell’annuncio.  Il valore è dato da una serie di fattori quali:

  • Le offerte di CPC fatte per una determinata parola chiave.
  • L’impatto delle estensioni degli annunci della campagna.
  • Lo storico delle campagne e degli annunci per una determinata ricerca.
  • Il punteggio di qualità.

 

 

Quality Score

Il punteggio di qualità ha un valore compreso tra 0 e 10 ed è caratterizzato da diversi parametri. I fattori che ne determinano il valore sono:

  • Il CTR – Click Through Rate ovvero il numero di click in relazione al numero di impressioni dell’annuncio.
  • La rilevanza delle parole chiave che si stanno acquistando rispetto agli annunci creati.
  • La rilevanza degli URL di destinazione in relazione alle parole chiave ed ai contenuti degli annunci.
  • Metriche collegate alla User Experience (i.e. tempo di caricamento della pagina, ecc).
  • Altri fattori non divulgati.

 

La formula che consente di calcolare il CPC è la seguente:

 

prezzo1 * qualità1 = maxCPC2 * qualità2

 

Prezzo1 è il prezzo pagato dall’inserzionista.

Qualità1 è il punteggio di qualità dell’inserzionista.

maxCPC2 è il Costo per Click massimo offerto dall’inserzionista n°2 (concorrente)

Qualità2 è il punteggio di qualità del secondo inserzionista (concorrente)

 

Dalla formula si evince, quindi, che il prezzo pagato è il seguente:

 

prezzo1 = maxCPC2 * qualità2  /  qualità1

 

prezzo1 = AdRank secondo inserzionista  /  qualità1

 

Il prezzo è quindi direttamente proporzionale all’AdRank del secondo inserzionista ed inversamente proporzionale al proprio punteggio di qualità.  Più alto sarà il punteggio di qualità e minore sarà il nostro CPC.

 

 

Aumentare il punteggio di qualità

La domanda a questo punto sorge spontanea. Come è possibile aumentare il punteggio di qualità?

 

I fattori che vengono presi in considerazione per il calcolo del punteggio di qualità e sui quali occorre intervenire, quando è possibile, sono i seguenti:

  • La Percentuale di clic (CTR) storica della parola chiave e dell’annuncio ad essa associata su Google.  Google usa i dati storici di ogni parola chiave per valutare il Quality Score iniziale delle parole selezionate.
  • La rilevanza della parola chiave in relazione agli annunci inseriti nello stesso gruppo di annunci.  Le parole chiave del gruppo di annunci devono essere pertinenti con i tuoi annunci e devono essere ripetute nel testo dell’annuncio.
  • Le performance dell’account ovvero la cronologia dei CTR di tutti gli annunci e delle parole chiave dell’account.  Google analizza i risultati ottenuti dal tuo account nelle campagne precedenti per stabilire il tuo Quality Score.
  • La qualità della Landing Page– Perché la pagina di destinazione dell’annuncio sia considerata pertinente ed apporti un contributo importante al Quality Score occorre che  sia:
    • Pertinente
    • Originale
    • Trasparente  – I contenuti  devono essere espressi in maniera  chiara e trasparente
    • Navigabile – percorsi brevi e semplice che consentano con pochi click di  acquistare o il prodotto o l’offerta  oggetto del tuo annuncio

 

 

Alcuni consigli

  • Utilizzare le estensioni di annuncio e i “Product Listing Ads” (località, site-links, recensioni).
  • Inserite i propri brands tra le keywords e nel testo degli annunci.
  • Utilizzare i punti esclamativi negli  annunci.  Sembra che il punto esclamativo aumenti la probabilità di ottenere un click.

L'articolo AdWords: calcolo ed ottimizzazione sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »







Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 54.224.103.239
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore