HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI?
+39 06452216038
LIVE SUPPORT
Parla con un operatore

Hosting Per Te - HelpDesk

LIVE SUPPORT
Parla con un operatore
 
 Categorie Notizie
(13)Domini (3)dominio (24)Blog (52)Sicurezza (28)Wordpress (1)Cross-Site (1)vulnerabilità (7)wordpress (1)zero day (8)sicurezza (1)sitelock (14)News (1)google (1)indicizzazione (1)mobilegeddon (8)seo (17)Hosting (4)hosting (1)multi (1)reseller (1)rivenditore (1)provider (17)Email (24)Server (3)email (2)imap (1)imapsync (2)migrazione (1)posta (1)affiliazione (2)guadagnare (63)Ecommerce (3)e-commerce (1)ecommerce (3)VPN (1)wi-fi (1)backup (2)server (29)marketing (1)ppc (1)search-engine-optimization (1)seo pay-per-click (1)domini (2)gTLD (1)IP (1)IP-condiviso (1)IP-dedicato (2)cloud (1)virtuale (3)vps (20)Blogging (3)blog (2)blogging (37)CMS (3)cms (1)sito di successo (1)campagne e-mail (1)criptare dati (1)ssl (1)plugin e-commerce (1)newsletter (1)rivenditori (1)server vps smtp (1)SMTP (1)design responsivo (1)responsive design (1)responsive web design (2)hacking (3)malware (1)phishing (1)server upgrade (2)prestashop (2)campagna e-mail (3)e-mail marketing (1)contenuti sito (1)struttura pagina web (1)call-to-action (1)promozione sito (1)ottimizzare sito (1)cookie law (1)psicologia web design (1)vendita siti (1)website flipping (1)titolo (1)alternativa google analytics (2)monitoraggio (1)keyword (1)programmazione (1)facebook marketing (1)colori (2)clienti (1)privacy whois (1)crimini informatici (1)Cyber crime (1)search console di google (1)supporto managed (1)hacker (1)copyright (1)referrer spam (1)Split testing A/B (1)freelance (2)magento (1)Linux (2)Windows (1)upgrade piani hosting (1)Google SpeedTest (1)landing page (1)seo friendly (1)struttura link (1)errori wordpress (2)psicologia dei prezzi (1)metodi di pagamento (1)effetti sonori (2)APP (1)webmaster (1)fatturazione elettronica (1)sito web (1)backup wordpress (1)fan facebook (1)Exchange ActiveSync (1)POP3 (1)firma e-mail (1)web agency (1)ergonomia (1)editor (3)adwords (1)quality score (1)errori ecommerce (12)startup e business (1)errori azienda (1)sql injection (1)monetizzare (1)regole successo (1)nameserver (1)mailing list (1)responsive email (2)pec (2)bootstrap (1)Bing (1)Bing Ads (1)Foundation (3)framework (1)statistiche mobile (1)adwords per mobile (1)about page (1)chi siamo (1)seo vs ppc (1)errori webmaster principianti (20)SEO (1)PDF e SEO (1)ottimizzare pdf (34)strumenti (1)relazionarsi con i clienti (1)FAQ (1)tld srl (1)traffico (1)keywords (1)parole chiave (1)trend estero (3)statistiche (1)K.I.S.S. (1)plugin sicurezza wordpress (2)certificato ssl (1)template (1)black hat (1)Creative Common Zero (1)blog ecommerce (1)Google Smart Goals (1)web design (1)facebook ads (1)SFTP (1)FTP (1).htaccess (1)statistiche e-commerce (1)url brevi (2)cloud computing (1)HDD (1)grafici (1)librerie js (1)antivirus (1)framework css (1)Google Panda (2)Internet of Things (2)ransomware (1)TeslaCrypt (2)tecnologia (1)telelavoro (1)mobile friendly (1)proxy (2)cryptolocker (1)Processore AMD (1)rapporto clusit 2016 (1)truffe online (1)plugin monitoraggio (2)bug linux (1)ranking tools (1)social network (1)deep web (1)tor (1)plugin sottoscrizioni (1)link building (3)plugin wordpress (1)design (1)siti di successo (1)ottimizzare immagini (2)widget (1)sito monopagina (1)VPS Economici (1)trend del marketing (1)realtà aumentata (1)ip dinamico (1)progettazione sito (1)Redirect 301 e 302 (1)notifiche push (1)velocità sito (1)ottimizzazione contenuti (1)guadagnare con un blog (1)costi e-commerce (1)social media (1)frode amichevole (1)e-commerce wordpress (3)drupal (1)joomla (1)travel blog (1)php (1)chargeback (1)e-mail (1)plug-in video wordpress (1)sito sportivo (1)plug-in seo (1)drupal vs magento (1)portfolio (1)plug-in portfolio (1)sottodomini di terzo livello (1)sicurezza e-commerce (1)pubblicità su facebook (1)visualizza numero utenti (1)affiliate marketing (1)cartella nascosta android (1)creare app (2)Infiniband (1)Intel LGA 3647 (1)furto di dati sensibili (1)marketing diretto (1)record DNS (1)ddos (1)Mobile shopping (1)Malware su Skype (1)virus (1)youtube (1)seo immagini (1)web marketing (1)vendita online (1)food blogger (1)Plesk Onyx (1)Bug Fedora ed Ubuntu (1)Micro SSD (1)IoT (1)Chip Kaby Lake (1)primo e-commerce (1)blog di fitness (1)plug-in WordPress (1)SPF e DKIM (1)Cyber sicurezza (1)file robots.txt (1)AMD Naples (1)Vulnerabilità REST API WordPress (1)trasferimento da Blogger a WordPress (1)plug-in WordPress per musicisti (1)Crittazione (1)CPU (1)Legge antibufale (1)Strumenti di marketing (1)CPU AMD (1)nda (1)Let's Encrypt (1)Hosting Linux o Windows (1)progress bar (1)blog di cucina
Feed RSS
Ultimi Aggiornamenti
mar
22

drupalSe provi a chiedere a tre professionisti quale sia il miglior CMS in circolazione, molto probabilmente otterrai tre risposte differenti.   Quale sia il Content Management System da utilizzare è una questione soggettiva che dipende da diversi fattori legati al progetto da sviluppare ed al background dello sviluppatore.  Qualcuno preferisce WordPress o Magento, altri, invece, trovano in Joomla o Drupal la soluzione perfetta per il progetto in corso.

In questo articolo parleremo di Drupal ed analizzeremo alcuni pratici suggerimenti per un suo corretto uso.

 

 

 

Drupal è un CMS molto potente ideato e strutturato sul concetto di modularità, caratterizzato da ottime performance e livelli di sicurezza elevati.  E’ anche uno dei più flessibili CMS in circolazione.

 

I seguenti suggerimenti e consigli andranno a toccare solo marginalmente le molteplici funzionalità di questo CMS eccezionale.

 

 

Gestione dello SPAM

Chi ha avuto modo di gestire un sito rivolto ad una comunità di utenti sa quanto sia difficile gestire tutto lo SPAM che si riversa sul portale.  Oltre a riempire il sito di inutili informazioni, lo spam rappresenta anche un rischio per la sua sicurezza e quella degli utenti registrati.  Fortunatamente Drupal è equipaggiato con una serie di moduli in grado di gestire ed eliminare messaggi spazzatura.

Oltre ad installare Akismet e Spamicide, puoi anche:

  • Installare il modulo Flag Abuse per responsabilizzare gli utenti ed avvalerti del loro supporto nella gestione dello spam.
  • Bloccare o moderare la registrazione degli utenti condizionandola all’approvazione da parte dell’amministratore.
  • Effettuare una verifica delle e-mail inserite dai nuovi iscritti.
  • Installare un GeoBlocker per proteggere il tuo sito da determinati domini.
  • Utilizzare Ban and Unpublish per semplificare il processo di rimozione di utenti spammer.

 

 

 

Ottimizzare il sito

Una delle attività principali da svolgere in fase di progettazione e sviluppo di un sito web è quella legata alla sua ottimizzazione per i motori di ricerca.  Drupal è dotata di una serie di funzionalità avanzate tese a supportare lo sviluppatore web.

  • Caching e compressione per performance del sito migliori.
  • Controllo dei titoli delle pagine, delle meta descrizioni e degli URL.
  • Integrazione con Google Analytics.
  • Moduli SEO come Metatag, Nodewords e Yoast

 

 

 

Modifica dei fogli di stile

Immagina di caricare un modulo il cui stile mal si concilia con il resto del sito.  Lasciarlo così com’è non è certo una opzione accettabile.  Drupal consente di bypassare il foglio di stile collegato al modulo e di sostituirlo con un CSS adeguato.

Per far ciò devi innanzitutto caricare un CSS nella cartella dei fogli di stile del sito (con lo stesso nome del file originale) e poi devi inserire la seguente linea di codice nel file .info del sito:

stylesheets[all][] = nomecss.css

 

 

Questa breve introduzione ad alcuni concetti base è solo l’inizio di un processo di formazione che ti permetterà di avvalerti del supporto di questo potente CMS.  HostingPerTe, dal canto suo, ti fornirà tutto il supporto necessario a partire dai pacchetti hosting ottimizzati e compatibili con Drupal già preinstallato.

L'articolo Drupal: consigli e suggerimenti per i neofiti sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »



mar
20

app per sitoLa piena compatibilità del proprio sito web con i dispositivi mobili ha già da tempo smesso di essere una semplice opzione.  Sono già passati due anni da quando Google ha annunciato che i siti non ottimizzati per smartphone e tablet sarebbero stati penalizzati.  Ad oggi i dispositivi mobili rappresentano il 65% dei media digitali e questa percentuale è destinata ad aumentare.

 

 

Coloro  che ancora non si sono adeguati alle regole dettate dal colosso di Mountain View hanno tre opzioni davanti a se:

  • Implementare un disegno responsivo affinché il sito riconosca automaticamente le dimensioni dello schermo dell’utente e si adatti alle sue misure.
  • Creare una Applicazione Nativa codificata per una piattaforma specifica (i.e. iOS o Android). Un’App in grado di accedere a tutte le funzionalità del dispositivo in uso  e di fornire un servizio veloce e di facile utilizzo.
  • Sviluppare un’applicazione Ibrida in grado di supportare molteplici sistemi operativi.

La differenza tra una applicazione nativa ed una applicazione Ibrida richiederebbe un articolo a se e va oltre lo scopo di questo post, ci soffermeremo, invece, sull’opportunità  o meno nel creare una applicazione a supporto del nostro sito web.  Nel caso in cui si opti per una soluzione di questo tipo è possibile rivolgersi a sviluppatori professionisti, utilizzare il team aziendale oppure uno dei tanti strumenti gratuiti o a pagamento reperibili sulla rete.

 

Detto ciò, elenchiamo i motivi per cui è opportuno creare un’App:

  • Se intendi monetizzare o distribuire il tuo sito web tramite uno dei tanti App Store.
  • Se gestisci un e-commerce
  • Se il sito web è funzionale ad una attività fisica come, ad esempio, un ristorante che offre un servizio di consegne a domicilio.
  • Se il tuo sito fornisce informazioni in tempo reale o se consente agli utenti di caricare immagini e/o video.
  • Se si vogliono offrire servizi aggiuntivi come ad esempio:
    • Notifiche push
    • Accesso a funzionalità del dispositivo in uso (l’accelerometro, ecc)
    • Uso personalizzato (i.e. Evernote).
  • Se l’aspetto sicurezza è di particolare importanza. Le App sono molto più sicure rispetto ai siti responsivi.
  • Se disponi di un budget adeguato e di personale interno in grado di sviluppare e gestire un’applicazione nativa.
  • Se il tuo sito non è un semplice sito informativo. Blog, siti di notizie, siti aziendali, per esempio, non traggono nessun beneficio dall’implementazione di un’App.
  • Se la compatibilità con i dispositivi utilizzati dagli utenti non sono un problema. Se già sai, per esempio, che tutti i tuoi utenti utilizzano iPhone.

 

Il trend legato all’uso di dispositivi mobili è in continua crescita e ciò rende sempre più importante adeguarsi e rendere il proprio sito in grado di gestire dispositivi di vario genere e di varie dimensioni.  Che la soluzione sia orientata verso un sito responsivo o un’Applicazione sta a te deciderlo, l’importante è che tu scelga un metodo compatibile con le esigenze tue e degli utenti che seguono ed utilizzano il tuo sito web.

 

 

 

L'articolo Quando è opportuno associare un App al proprio sito web sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »



mar
17
Psicologia dei prezzi
17 mar 2017 11:06

psicologia prezziL’analisi delle abitudini dei consumatori e delle loro reazioni a determinati stimoli di marketing ha consentito di identificare azioni e strategie in grado di coinvolgere maggiormente il potenziale cliente e di aumentare le probabilità che l’intero processo legato alla presentazione dei prodotti si concretizzi in un acquisto.

 

 

Come mai siamo così vulnerabili?  L’essere umano, pur nella diversità dei singoli individui, è accomunato da determinati schemi mentali.  Processi mentali  di valutazione ed interpretazione dell’ambiente che ci circonda che avvengono in maniera inconscia.

Seguono alcuni esempi di come questi processi applicati al marketing ed alla prezzatura dei prodotti agiscano sui consumatori e quali siano i risultati in grado di produrre.

 

 

Articoli gratuiti

I rivenditori che offrono degli articoli gratuiti lo fanno per motivi precisi e calcolati.  L’offrire, ad esempio, stuzzichini gratuiti in un bar comporta l’acquisto di bevande sulle quali il gestore ha il suo giusto guadagno.  
Regalare gadget aumenta le probabilità che il cliente, una volta entrato nel negozio, reale o virtuale che sia, decida di acquistare anche altri prodotti.

A livello psicologico la parola “Gratis” è associata ad una situazione priva di rischi e di risvolti negativi.  Risultati positivi si osservano anche in quei casi in cui il regalo è condizionato ad un acquisto come ad esempio il “comprane uno ed il secondo è gratis” oppure nei casi in cui il trasporto è gratuito. 

 

 

 

Evitiamo il simbolo dell’euro

I prezzi riportati con il simbolo dell’euro (€) sembra riducano la propensione all’acquisto dei visitatori.  Uno studio condotto dalla Cornel University nel 2009 ha dimostrato che il volume d’affari di diversi ristoranti calava drasticamente quando i menu contenevano la parola “dollaro” o il simbolo “$”. 
Viviamo in una società in cui siamo costantemente bombardati da una moltitudine di informazioni;  è quindi normale che si tenda a seguire dei percorsi che non producano altro stress.  Molti ristoranti, per esempio, riportano sui propri menu prezzi minimalisti;  “22” anziché “€ 22,00” perché vogliono che il cliente si concentri sul cibo e non sul prezzo.

 

 

 

Limiti nell’acquisto

Capita speso di trovare articoli in offerta il cui acquisto è limitato ad un numero massimo di articoli;  “Massimo x pezzi per ogni cliente”.   Tale impostazione aumenta il valore percepito del bene in vendita ed induce i clienti ad effettuare l’acquisto.

 

 

 

Il fattore 9

I prezzi che terminano con un 9, 99 o 95, oltre a ridurre la percezione di costo del bene in questione, stimolano il consumatore ad associare quei prezzi a beni in offerta.
Noi tutti  leggiamo i numeri da sinistra verso destra.  Ciò fa sì che un prezzo del tipo €5,99 venga percepito come € 5. 

 

 

 

Font appropriati

Una ricerca condotta da alcuni professori di marketing della Clark University ha dimostrato che i consumatori tendono a preferire (i.e. sono più inclini ad effettuare un acquisto) prezzi riportati con caratteri piccoli e non in grassetto.  Capita spesso di vedere cartelli con prezzi molto grandi magari messi a paragone con i prezzi originali (in occasione di svendite ad esempio).  Tale comportamento sembra essere controproducente perché le persone tendono ad associare il valore di un oggetto alle sue dimensioni fisiche.  Un prezzo scritto a caratteri cubitali viene quindi  associato ad un costo troppo alto.

L'articolo Psicologia dei prezzi sembra essere il primo su Blog Hosting Per Te.


Leggi dell'altro »







Hosting Per Te
© 2015 - ARMADA
Partita IVA 00873530943
REA IS-38469
Tel +39 06452216038
Fax +39 0689280222
Il tuo IP: 54.166.89.1
Hosting Per Te Facebook   Hosting Per Te Twitter   Hosting Per Te Blog
ARMADA
Chiedi ad un nostro Operatore